HOME :: TESTI :: LINKS :: INFO :: COLLABO :: SPECIALI :: FORUM :: CONTATTI :: PRODBY :: PRODBYITA

Akhénaton- Paese

testo originale :: testo tradotto :: confronta i testi
scheda autore (Akhénaton) :: scheda album (Sol Invictus)
salva usando il tasto destro del mouse: testo originale :: traduzione


TESTO TRADOTTO:

Akhenaton
(Sol Invictus)
Paese

--- tradotto da Babox
--- per www.THHT.cjb.net

[Akhenaton è di origine italiana e in questa canzone parla appunto dell'Italia e della sua città d'origine (Napoli).
Nel testo francese della canzone ci sono alcune parole in italiano, le trovate tra due apostrofi. ndt]


1a strofa:
Molte persone ci detestano, vorrebbero essere come noi
Riconosciamo che nel mondo ce n'è poca di classe come noi, gli italiani
Vengo da là dove parlare con le mani è vitale
Dove in ospedale ti ricuciono il braccio al posto di una gamba
Vengo da là dove il sorriso si mostra senza complesso
Dove i rapporti con la legge sono difficili e complessi
Da là dove le città sono nemiche da tempi immemorabili
continuamente nelle mani dei coloni venuti dalla Spagna,
dal mondo arabo o dalla Francia del Regno Normanno
Vengo da là dove la terra ferma trema mentre si dorme
Là dove ci si spara un piatto di 'Penne all'Arrabbiata'
su una terrazza al sole relax con delle grosse pietre
Vengo da là dove le case s'iniziano e non si finiscono
Dove le squadre e i quartieri non si uniscono ("non fanno mai pace", ndt)
Dove la maggiore età si acquista nella 'strada',
dove si sogna tutti lusso, donne che battono e abiti Prada
Da là dove è pieno anche di persone oneste,
lavoratori che si alzano e pazzi che vivono di sogni,
discoteche,
locali notturni che fanno....
stronzi di delinquenti che fanno....
Vengo da là dove sui muri ci sono gli avvisi di decesso
Da là dove Pippo si tuffa quando simula gli infortunati
Da là dove le persone preferiscono gli animali agli uomini,
soli perché molto stranamente amano tutti quelli che tengono il becco chiuso

2a strofa:
Vengo dalla città (Napoli, ndt) dove pressappoco è sinonimo di molto bene
Non bisogna avercela con noi, è un sistema organizzato da molto lontano
Da là dove le ragazze sono belle e i fratelli gelosi ma una volta libere
si lasciano andare a quando sono sole
Da là da dove vengono Albano e Romina
Là dove i ragazzetti sfilano in città con 6 kg di gel
Sugli scooter in 3, attenzione alla borsa
qui lo specchietto retrovisore fa da specchio da bagno
Vengo da là dove le bionde generose riempiono la tele
Bionde, mio fratello, il Mediterraneo, sai
Da là dove le stecche di sigarette sono riempite di segatura
Da là dove ti fanno una firma Nike sulla figura (?)
Dove le scommesse clandestine coinvolgono un intero isolato
così tanto che vedi i cavalli gareggiare nella strada
Là dove le piccole star del calcio tirano e corrono nella strada
Là dove i piccoli capobanda di 12 anni sparano e uccidono nella strada
Vengo da là dove le madri leggono e predicono il futuro nei tarocchi
Dove si adora il sangue di 'San Gennaro', 'Santa Lucia'
Dimmi come va il Vesuvio e l''Isola Verde'
Dove da bambino andavo a spasso e mi perdevo, vengo da là
dove le buganvillee sono immense, il portafogli leggero
ma dove l'ospitalità è immensa
Dove le persone hanno il senso del segreto, non è che si rintanano
Ma sanno che se non c'è niente di buono da dire allora è meglio tacere


testo originale :: testo tradotto :: confronta i testi
scheda autore (Akhénaton) :: scheda album (Sol Invictus)
salva usando il tasto destro del mouse: testo originale :: traduzione