HOME :: TESTI :: LINKS :: INFO :: COLLABO :: SPECIALI :: FORUM :: CONTATTI :: PRODBY :: PRODBYITA

Nas- Undying Love

testo originale :: testo tradotto :: confronta i testi
scheda autore (Nas) :: scheda album (I Am...)
salva usando il tasto destro del mouse: testo originale :: traduzione


TESTO TRADOTTO:

Nas
(I Am…)
Undying Love

--- tradotto da: Kima
--- per www.THHT.cjb.net

Vita in stile Al Pacino, lotte da gangsta, sorte al casinò
Al Mirage, spogliarelli a Las Vegas, luci al neon
Scommettitori fuma sigari, coppie e star
Flash delle macchine fotografiche, spacciatori e giochi di carte
Trascorri lì il fine settimana e già mi manco New York ed è strano
Perché sono il primo che dice che ci sono troppi spacciatori che fregano
Con i quali non ho mai avuto niente a che fare, quando succede, noi lo facciamo in grande stile
Così che le grandi somme tornano a noi proprio quando ce ne stiamo andando
Ridendo e scherzando, con le nostre puttane che chiacchierano nel club
Raccontando a mia moglie di quella con cui stavo ballando, come se me la scopassi
Volo di ritorno, lunedì sera da dove il sole ancora splendeva
Alla cruda giungla di asfalto
Nella limousine dall’ aeroporto di La Guardia, sonnecchio
Ho salutato i miei cani, me ne sono andato, ero distrutto quando
Sono arrivato a casa, dove diavolo sono finite le mie chiavi?
Suono il campanello, sento un urlo, ma non sono certo
Ho lasciato cadere i bagagli per terra, ho avvicinato l’orecchio alla porta
Musica bassa, H-town, ma era da basso
Quella della mia bambina, la Mercedes è parcheggiata, ho gironzolato
Nel retro della casa, lei deve essere dentro e non riesce a sentire
Forse di sopra, a farsi i capelli davanti allo specchio
Sono andato alla porta sul retro
Ero stupito che fosse aperta, quando entrai, sentii odore di incenso
Seguito dal profumo di erba, bottiglie di Guinnes vuote
E tracce di rossetto su tre bottiglie vuote di Corona
Un paio di jeans sul tappeto, timberlands numero 42
Qualcosa penzola dal ventilatore, lo spengo
Dondola sempre più piano…
Quando ha smesso di muoversi vedo che era un perizoma, sento ridere
Ho pensato subito alla mia pistola, ma qualcosa mi ha distolto il pensiero
Ho cominciato a salire verso la stanza dalla quale provenivano i rumori e la musica
Congelato, non riuscivo a reagire
La porta della camera socchiusa, la mia fidanzata sdraiata con un negro
Mormorando qualcosa , lui teneva una mano sul suo culo
E lei se lo stava scopando, cin- cin con bicchieri di vino
Candele alla ciliegia erano accese, non potevo sopportare questa situazione
Non riuscì a trovare nessuna parola, senza alcun rumore
Lasciai la casa con un sorriso malato e presi la pistola
Ora sono fuori che giro, medito cosa devo fare?
Chiamo il mio uomo Horse “ci vediamo fuori, sto arrivando”

(Nas canta. 2vv.)
pensavo mi amassi
pensavo avessi cura di me
pensavo che avessi bisogno di me
credevi in me?

Quando incontrai Horse avevo uno sguardo terribilmente perso
Non sapevo se piangere o se cercare di riderci sopra
“Sei arrivato presto—ti hanno scaricato così in fretta?”
dissi “No”, così gli mostri la custodia con la calibro nove
saltati in macchina, metto su un cd, schiaccio play
alla Grand Central, dalla Van Wyck Expressway
dissi “ scommetto che non indovineresti mai
cosa ho appena visto e cosa probabilmente sta ancora accadendo
striscio in casa mia e un negro si sta scopando la mia ragazza
gli ho visti, loro no, ho organizzato e me la sono svignata
io prendo lei, ho bisogno che tu prenda il negro al posto mio
proprio quando avevo pensato di aver trovato l’amore lei mi ha buttato merda addosso
a Las Vegas ho comprato un regalo per il nostro fidanzamento
20 centoni per un anello con il quale l’avrei stupita oggi
ma la mia sorpresa non poteva competere con quella che lei aveva in serbo per me”
siamo scesi dalla macchina dando le spalle alla casa
lasciamo la macchina sul retro in modo che non ci possano vedere
corsi sul lato della casa, beccato bastardo
mi sono diretto davanti , quando ho parlato lui è balzato
la puttana ha cercato chiudere la porta, ma inciampa nel piede di Horse
Dopo aver sparato al tizio spagnolo nella pancia, lo sistemiamo
Afferro la faccia di lei, di addio al tuo amico segreto
Una pallottola in mezzo agli occhi, è morta, per errore
Devo aver tenuto la pistola troppo stretta mentre gliela puntavo in faccia
Qualcuno bussa, Horse mi aiuta a nascondere i cadaveri
Si sentono le sirene, andare fuori sarebbe un’ azione da kamikaze
Siamo circondati, flash luminosi “chi c’e’ dentro?”
Si sente da un megafono, sto contemplando il suicidio
Horse mi chiede il permesso di andare per l’ Amicizia, mi da il saluto, ciao, One Love
Prese la pistola esce dal retro
Una serie di spari di non riescono a spiegare che accadeva la fuori
Seduto sul pavimento accanto alla mia donna morta, me la misi tra le braccia
Tirai fuori dalla tasca l’ anello che stavo conservando per lei
Lo misi al suo anulare, ricaricando la pistola, cominciai a pregare
“Muhammad e Allah, i più beneficiari
attraverso voi tutto è possibile, so che mi stai sentendo
non avrei voluto che questo accadesse, non ho mai sognato
che questo fosse il mio destino, talmente grottesco, sulla scena do un omicidio”
in quell’ istante la polizia entrò
baciai la mia signora, il suo sangue sulle mie labbra, dissi “Amen”
puntai la calibro nove alla tempia, dito sul grilletto, tenni lei stretta
strinsi la pistola, le dissi “ Scappiamo verso Dio”
… scappiamo…


appena entra il poliziotto: “Stupidi negri fottuti”

testo originale :: testo tradotto :: confronta i testi
scheda autore (Nas) :: scheda album (I Am...)
salva usando il tasto destro del mouse: testo originale :: traduzione